SEMPRE Più DIFFICILE LA SITUAZIONE DEL MONTE DEI PASCHI DI SIENA, LA BANCA Più INDEBITATA D’ITALIA

Renzi, l’ex presidente del consiglio italiano, è stato sconfitto nel referendum
costituzionale e ha annunciato in conferenza stampa le sue dimissioni.  Non ci
saranno, quindi, i cambiamenti promessi dalla riforma, ne governi più stabili, anzi,
l’uscita di Renzi dalla scena politica, ha portato conseguenze assai più negative per
la Banca italiana Monte dei paschi, rischiando adirittura un default.


La causa principale dell’attacco alla banca Monte dei Paschi di Siena sta nel fatto che  tale banca
ha 24 milioni di sofferenze, ossia crediti difficili da riscuotere, a fronte di un patrimonio di 10
miliardi. È chiaro, quindi, che il patrimonio della banca è molto più basso rispetto alle sofferenze
da coprire. Ed ecco, che i hedge found, che non sono altro che un ampio insieme di fondi di
investimento che applicano strategie non convenzionali, con l’intendo di gestire il patrimonio
eliminando in gran parte il rischio di mercato, hanno trovato terreno fertile nella banca italiana
MPS, che approfitando delle condizioni di mercato che sono assai deboli e la necessità della MPS
di capitali freschi, non hanno esitato a partire all’attacco.

Per di più , la banca più antica d’Italia, è stata bocciata negli stress test sugli istituti bancari da
parte dell’Unione Europea del mese di settembre, complicando di più  la situazione.

L’unica manovra adesso possibile per riuscire a salvare la banca dal default è la possibilità per i
suoi investitori di convertire le proprie obbligazioni in azioni della banca. Questo programa di
salvataggio è stato emanato dal consiglio d’amministrazione della banca l’11 dicembre. Pertanto,
gli amministratori sperano, quindi, con la nuova operazione di raccogliere almeno un miliardo di
euro dei cinque di cui hanno bisogno, e se la manovra di salvezza non dovesse funzionare, il
governo italiano sarà costretto a intervenire con risorse pubbliche, facendo scattare il famigerato
bail-in, che comporterà perdite per investitori e risparmiatori.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *